• DSC_1818.jpg
  • fabio2.jpg
  • beppe-2.jpg
  • bodyconcept-2018-006-030-0067-2.jpg

intervista a Valeria Colucci : Tutto inizia da un singolo passo; essere sé stessi…

in intervista by
Spread the love

Tutto inizia da un singolo passo; essere sé stessi… ed è la cosa più difficile nella vita, perché per farlo bisogna avere carattere a sufficienza, la vita è veramente molto semplice ma siamo che ci piace renderla complicata forse per non annoiarsi. Ed è con le sue parole che introduciamo il personaggio di oggi, lei si chiama Colucci Valeria una di quelle donne che non ha mai paura della difficoltà che incontra. Per lei niente è davvero difficile se lo si vuole veramente, perché chi desidera veramente lo ottiene, allo non ci resta che leggere la tua intervista per capire il nostro personaggio

Ci racconti in breve una tua breve biografia?

Sono nata a Torino il 23/2/1982 e sono del segno dei pesci, attualmente vivo e lavoro a Torino. Sono impiegata in uno studio di un commercialista e sono anche una Personal Trainer e insegnante di corsi musicali di tonificazione. Amo la musica rock, al pop, jazz. Credo fermamente in Dio!!! Lui è ovunque.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso? “Il talento è sopravalutato, la fatica è tutto!!”

“Il talento è sopravalutato, la fatica è tutto!!”

Mi sono Diploma di ragioneria conseguito presso l’Istituto Tecnico Quintino Sella di Torino, Diploma Nazionale A.s.c. di Attività Sportiva ginnastica e salute, Diploma Nazionale Personal Trainer affiliato Coni Diploma Personal Trainer I livello Cross Cardio, il mio motto è “Provare, Fare e Riuscire!! “

Come ti vedi tra 5 anni?  Ottima domanda!!! Devo ancora scoprirlo. Valeria ti reputi una sognatrice? sì, forse un po’ troppo.
Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?  Nacque tantissimi anni fa , all’età di 17 anni, sfogliai  una rivista di “Cultura Fisica” e la prima atleta che vidi fu “Monica Brant “.
Rimasi di sasso , mai visto un tripudio di muscoli e femminilità….!! Da lì cominciò il mio percorso ….

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Guardandomi allo specchio …. finalmente posso dire che ciò che vedo mi piace!! Ma ….posso fare di meglio!!

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Nessuno forse ci crederà, ma in realtà io ero una ragazza molto pigra e abbastanza in sovrappeso con un amore spropositato per il cibo, però la figura che vedevo allo specchio non mi piaceva …mi faceva soffrire, mentre tutte le mie coetanee erano già piccole donne perfette!! Allora decisi che era ora di cambiare .

Cosa ti piace di questo sport?: amo questo sport perché ha fatto in modo che io mi creassi un vero talento!! Provando, tentando ed in fine riuscendo!!

Cosa significa per te essere bella?  Vuol dire fare la differenza! Arrivare dove gli atri non arriverebbero mai, guardare oltre le semplici apparenze !!

Pensi che questo sport ti abbia cambiato? e se si in cosa? : Il body building non mi ha cambiato, ha solo fatto in modo di far venire fuori ciò che ero destinata  ad essere!! Noi non cambiamo …. noi siamo!!

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?  Penso ci sia una grandissima ignoranza al riguardo, basta solo farne buon uso, come ogni cosa nella vita!!!

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?  Certamente!! Niente e facile nella vita!! Però come sostiene qualcuno … sono i calci in culo che mandano avanti!! Oopss… si possono dire le parolacce???

Credi nell’amore? Voglio crederci fermamente!!! Voglio credere che esista ancora tra le persone.
La tua cucina preferita? La mitica cucina mediterranea Il piatto che ami cucinare di più? Un piatto molto semplice riso e tonno. il tuo rapporto con l’ambizione?  Non credo di essere una persona ambiziosa, al contrario sono molto testarda , se mi fisso un obbiettivo vado fino in fondo.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba? L’eleganza!!! Va sempre di moda e si sposa bene con qualsiasi indumento.
Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?  come una persona speciale!! il tuo rapporto con i social? Non sono molto social …. Mi stufo presto ed ho un cattivo rapporto con la tecnologia. Sei ottimista o pessimista sul futuro?  Non nascondo che ho delle paure per il mio futuro!! Ma dentro di me so che andrà tutto bene….

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?  La mia amatissima sorella e i miei genitori, il mio grande allenatore Francesco Braiato e il mio adorato maestro di fitness Beppe Fuso

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport? Semplicemente direi di spezzare gli schemi mentali… c’è troppa ignoranza ancora sui pesi e sul body building.

Ad un giovane atleta che ha voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ?  Direi di tenersi pronto a fare ciò che una persona normale non farebbe mai!

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale? No!! Se sono arrivata fin qui lo devo a ciò che ho fatto in passato, nel bene e nel male!!!

Ultima domanda … il senso della vita? Potrei decantare poesie e canzoni sul senso della vita…. Ad oggi ti dico che la vita non ha senso !! ha senso solo viverla!!

 

In Italia ci sono oltre 370 aziende che vendono Penumatici oltre 17 milioni di gomme ogni anno e dà lavoro a più di 6000 persone, chissà se Dunlop John Boyd  uno dei  inventori del copertone pneumatico, da oltre un secolo utilizzato in molti mezzi di locomozione al mondo  l’aveva previsto? Ed ecco allora che viaggiando nel mondo delle grandi aziende troviamo Una delle più grandi e prestigiosa In termini di “qualità”è la Gommeur srldel Gruppo Ettorre, è tra le 10 più importanti operatore di pneumatici in Italia con oltre 200 dipendenti. L’impianto di Notaresco in provincia di Teramo produce oltre mezzo milioni di gomme l’annoGruppo Ettorre

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*