MAGAZINE – FITNESS – PERSONAL TRAINER – SALUTE – CONSIGLI

Sabrina Montoro: nei suoi occhi il sole tutto l’anno.

in intervista/News by
Spread the love

 

Solare, atletica, poliedrica, Sabrina Montoro, nonostante i molti interessi, può già vantare di aver vinto  premi importanti  nel mondo del Fitness dimostrando uno spiccato talento, di quelli  che non passano inosservati. Nata a Roma Sabrina è diplomata  in maturità Classica  e Storia dell’Arte tra i suoi studi troviamo anche un Diploma di Pianoforte e Solfeggio, presso l’accademia The Associated Board of the Royal Schools of Music (London) e una Laurea  in Scienze e Tecniche Psicologico-sociali della Comunicazione e del Marketing, “La Sapienza.  Il suo segno zodiacale Vergine Sabrina  ama la musica  Classica/Rock/Folk mentre il suo  attore preferito  Al Pacino. Allora per chi vuole conoscerla meglio ecco la sua intervista.

Ci racconti dall’inizio la tua avvenuta? 

Vegetariana dai 3 fino ai 28 anni. Fin da bambina ho praticato vari sport a livello amatoriale, dalla danza al pugilato passando per gli sport di squadra, quelli all’aria aperta quali l’arrampicata e lo snowboard, fino ad approdare al mondo del fitness e alla sala pesi. Ma fu solo nel 2012, dopo essermi dedicata per anni principalmente allo studio, la musica e la carriera, che cominciai a comprendere il vero significato del Body-Building e inevitabilmente a innamorarmi di quello che a breve sarebbe diventato per me un affascinante stile di vita al punto da cambiare perfino le mie abitudini alimentari.

Premi importanti vinti?

2nd place Miss Europa IBFA 2015 / 3rd place Trofeo Nazionale Ercole dello Ionio 2015 / 1st place GP Planet WABBA International 2015 / 1st place Gran Prix Campano WABBA 2016 / 4th place Campionato Italiano WABBA 2016 / 1st place Overall Bikini – Grand Prix Planet Latiano 2016 / 2nd place Miss Europa IBFA 2016 / 3rd place Grand Prix “Gianluca Catapano Classic” (The Italian Phoenix IV Ed. 2016) / 3rd place VII Trofeo Anfra 2016 / 5th place Gran Prix Life 2016 / 1st place XIV Ed. Trofeo Nazionale Body Building “Ercole dello Ionio” 2016

Come ti vedi tra 5 anni?

Migliorata spero! Come Persona prima e come Atleta. Più ricca di esperienze e magari con un’attività che mi permetta di avere il giusto Tempo da dedicare a ciò che amo.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Cresciuta. A volte distratta. Ma in continua Evoluzione.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?: Avevo 28 anni e sentivo la necessità di un cambiamento. Da sempre sognavo un fisico tonico e atletico e grazie al mio compagno di allora Cristian Cialei (approdato al Body Building dopo un fruttifero percorso nelle arti marziali, attualmente detentore di quasi 40 trofei italiani e internazionali) compresi che era possibile: la mia trasformazione era cominciata! Successivamente ho lavorato con alcuni tra i più esperti preparatori atletici del panorama italiano e internazionale quali: Massimo Monaco, Salvatore Solimeno (sotto la cui guida ho programmato la mia intera carriera agonistica), Ingrid Romero come maestra di posing, per poi proseguire nel mio percorso formativo personale affiancata da altri campioni del calibro di Aniello di Terlizzi, Nicol Taylor, e infine Sandro Grillenzoni, con cui ad oggi sto sperimentando la sua metodologia di allenamento MPI.

Cosa ti piace di questo sport?

La connessione mente/muscolo e il potere che la mente esercita sul corpo. La dedizione totale che richiede. E’ un’attività coinvolgente a 360° il cui impegno emerge inequivocabile dai risultati: è scienza e arte. Ad ogni specifica azione corrisponde inevitabilmente una risposta del corpo. Nulla è lasciato al caso.
Perfetta metafora della vita dove per riuscire in qualcosa bisogna credere fermamente ed essere disposti a sacrificare il tutto per tutto.

Hai un motto?: Più che un motto il mio è un modus operandi derivante presumibilmente dalle mie origini bucoliche ”prima il dovere poi il piacere!” Ho imparato che solo una volta alleggerita dal senso del dovere posso godere appieno delle gioie del piacere. E’ così che anche il cosiddetto “cheat-meal” diventa per me un premio perfino più gustoso se realmente meritato!

Cosa significa per te essere bella?

Il Bello è l’espressione di un cammino interiore volto alla ricerca dell’armonia e dell’equilibrio.

Tu ti senti bella?

Con la maturità ho imparato ad apprezzarmi nelle mie peculiarità, per quanto (come credo la maggior parte di noi donne) il più delle volte lascio che siano i difetti a prendere il sopravvento… credo sia proprio questo senso autocritico che mi spinge a cercare sempre di migliorare!

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

Credo nella Vita. E nell’Energia che l’anima ha il potere di liberare.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se si in cosa?

Mi ha cambiata. E non solo fisicamente. Ma ha anche tirato fuori aspetti del mio carattere quali la perseveranza e la cura per i dettagli, rafforzando in me quell’idea di sacrificio necessaria per raggiungere un sogno, e accrescendo la fiducia in me stessa. Grazie al Body Building e alla Scienza della Nutrizione ho imparato che siamo Noi a costruire il nostro corpo e a disporre di esso come di una nostra “scultura” (dove chiaramente la genetica riveste il ruolo del blocco di marmo per Michelangelo Buonarroti). Mi piace definirmi architetto e scultore di me stesso.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Si rende necessario l’uso di integratori nell’attività agonistica se si vuole essere competitivi e si vuole spingere il corpo a determinati livelli superando i propri limiti. Ma alla base di una corretta integrazione c’è sempre una sana alimentazione, per cui penso che qualunque sia la decisione dell’atleta in merito all’utilizzo di determinate sostanze, sia fondamentale affidarsi ad un preparatore realmente competente e non perdere mai di vista che ciò che ci rende davvero Belle è la nostra femminilità e la nostra storia.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Ci sono momenti in cui percepisci un indeterminato senso di incompletezza, sempre per citare Michelangelo senti che la forma non riesca a liberarsi dalla materia, che l’Anima non riesca davvero a liberarsi. Ma è proprio quando sto per cedere che nella mente si innesca quella scintilla che inaspettatamente tutte le volte mi rispinge a galla. Credo sia frutto di quel seme di ottimismo e determinazione ereditato dal mio papà! …Nonché di una buona dose di autodisciplina insegnata da mamma, e soprattutto forza di volontà.

Credi nell’amore?: Sì!

La tua cucina preferita?: Italiana!
Ma amo sperimentare. Mi piace viaggiare e conoscere altre culture, immergermi nelle tradizioni locali, a partire dal cibo e dalla musica, in quanto intimamente legate alla storia e alle origini di quelle.

Il piatto che ami cucinare di più? : Pancake dietetici! Forse anche perché la colazione è il mio pasto preferito.

il tuo rapporto con l’ambizione?: Rispondo con le parole di una canzone che amo particolarmente: “Llevo en el cuerpo una condena que siempre me echa a caminar, Yo llevo en el alma un camino destinado a nunca llegar”

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?: Country/Vintage. Gli accessori che adoro: cappelli e stivali e… intimo raffinato! Mi piace stupire, anche celando dietro uno stile casual quella giusta dose di eleganza.

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni? : Se Sabrina sarà riuscita tra 100 anni a lasciare al mondo un esempio di pura energia positiva, avrò realizzato il fine ultimo della mia esistenza terrena sotto queste spoglie.

il tuo rapporto con i social?

Limitato al tempo necessario per mantenere “vivi” i rapporti con contatti altrimenti difficili da raggiungere a causa della distanza e della mole di lavoro e di impegni quotidiani. (Oltre chiaramente alle mie amiche/atlete che costantemente mi tengono aggiornata con i loro progressi in palestra… e anche con i loro complessi!)

Una tua citazione una frase che ripeti spesso

“Homo faber fortunae suae”

il tuo rapporto con la cioccolata?: Fondente extra! …leggermente piccante. Qualche volta con nocciole.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Tendenzialmente ottimista e sognatrice, per quanto troppo spesso la realtà ci mette di fronte ai nostri limiti. Il gioco consiste nel riuscire a valicarli! La vita è una sfida continua, e nell’ottica evoluzionistica Darwiniana “Non è la specie più forte o la più intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento”.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Oltre ai miei cari Angeli che continuano a guidarmi spiritualmente grazie al valore dei loro insegnamenti passati, ho avuto la fortuna nella mia vita di avere accanto sempre persone “Speciali” che hanno creduto in me e tutte le volte mi hanno spronato a valicare quegli ostacoli, da mia Sorella ai miei Amici più veri. Sono sicura che in una parola sia questo l’Amore.

Un ultima domanda … il senso della vita?

La Vita è Divenire, è ricerca costante, crescita interiore; è continua evoluzione.
E’ ricerca del Bello. Dobbiamo attingere dal bello della vita per appagare il nostro bisogno di armonia. E farlo fruttare restituendo alla vita il Bello nella misura in cui l’Anima può contribuire… attraverso l’Arte ad esempio, in tutte le sue manifestazioni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from intervista

torno sopra Top