Archivi categoria: intervista

Personal Trainer Italia: A TU PER TU CON MARTINA BIANCHINI

A pochi giorni dalla competizione del Trofeo Città del Santo, vicino a Padova, il primo posto Martina Bianchini si racconta, rispondendo alle nostre domande.
Com’è nata la tua passione per il Fitness e per il Body Building?
«Ho amato lo sport sin da piccola, con la ginnastica, l’atletica e altre attività. Ho sempre sognato di insegnare agli altri. Io apprezzo i fisici statuari e vedendo le gare di alcuni amici mi sono interessata anche al Body Building. Loro mi hanno convinta a partecipare a una gara lo scorso anno, e così ho vinto prima gli italiani, poi gli europei Natural della FNBB e quest’anno ho proseguito il percorso nella IFBB pro League nella categoria Fitness».


Quanto è grande l’impegno e quanto il sacrificio?
«Sinceramente, non mi pesa tanto prepararmi per le gare, perché mi sento portata e il mio fisico risponde bene allo stress sia di allenamento, sia di alimentazione; non patisco sotto questi aspetti. Sostengo che per poter vincere davvero nel Body Building bisogna per prima cosa rispettare il proprio fisico e cercare di superare i propri limiti dando la priorità alla salute e al benessere fisico. E per farlo, serve molta consapevolezza, nel darsi dei tempi e nel rispettarsi».
Cosa diresti, in generale, del Culturismo?
«È comunque uno sport come altri, anche a livello di mentalità. Io, che lo pratico, mi sento un’atleta e più passa il tempo più mi rendo conto che fare le gare è una questione di testa come in un qualsiasi altro sport. Bisogna essere pronti mentalmente, convinti di ciò che si fa e cercare di dare il massimo. È così che uno prova soddisfazione per quello che ha fatto».
…e di quello di oggi?
«Mi piaceva anche molto la Old School, perché dava importanza alla linea e alle proporzioni e spero ci sarà un po’ di ritorno al Body Building di una volta».
Le tue performance sono sempre molto artistiche e acrobatiche. Come hai fatto a mantenere la flessibilità insieme alla massa muscolare?
«La alleno sempre molto con programmi di yoga, mobility, ginnastica. Con un programma solo di potenziamento, senza allungamento, ci si irrigidisce; mentre è importante non dimenticarsi di questo aspetto per un corpo più funzionale e armonico, oltre che per la salute e la postura».
Sei soddisfatta dei risultati ottenuti finora?
«Assolutamente. Non poteva andare meglio di così. Essendo solo due anni che pratico questo sport, so di avere un potenziale più alto di quello che ho espresso finora. Devo ancora lavorare molto per poter raggiungere in pieno i miei obiettivi. E le vittorie ottenute ad oggi le considero un punto di partenza per un futuro di competizioni».

Chi è Angelica Becce? Tutto quello che c’è da sapere su di lei : immagini, foto, instagram, allenamento e molto di più


Cosa ti ha spinto ad iniziare a fare fitness?
Passione per lo sport in generale innanzitutto, poi perché mi prendevano in giro che ero in sovrappeso, è stata la motivazione in più che ma ha spinto
Era già un tuo sogno da bambina?
No da bimba no, facevo danza classica e moderna. Ho iniziato a 17 anni a far pesi.
Quale è la tua icona di moda o fonte di ispirazione?
Fonte di ispirazione è Stephanie Sanzo, modella fitness,
Pensi che questo sport ti abbia cambiata? e se sì in cosa soprattutto?
Moltissimo. Ora sono più sicura di me più forte. sia mentalmente che fisicamente, energica in tutto, iniziare la giornata con l’allenamento m mette una grinta pazzesca per affrontare la giornata
Come definisci il tuo stile? o meglio, il capo di abbigliamento che non deve mai mancare nel tuo guardaroba?
Mi sento a mio agio con tutto dal leggins lungo allo short! Alle tute intere, mi piacciono i colori vivaci e che risaltano le mie forme e i miei muscoli mentre m’alleno. Uso molto la Nebbia come abbigliamento, calzano a pennello sia in definizione che in massa. Oltre sportiva so anche essere femminile, m piace indossare vestiti eleganti a tubino in base alle occasioni.
Credi nell’amore?
Si sono un’eterna sognatrice.
Come ti definisci come donna?
Sono una donna con carattere! So quello che voglio e me lo vado a prendere ad ogni costo. So anche essere molto dolce e sensibile. Anzi fa troppo buona e ingenua a volte. ecco perché tendono ad approfittarsene… in sostanza un cuore grande
Quanto conta l’aspetto fisico e quello caratteriale?
Fisico per me è fondamentale. Soprattutto nella società in cui viviamo L’immagine conta parecchio. Poi se sto bene con me stessa e con il mio corpo quando mi guardo allo specchio, sto bene con tutti e riesco a esprimere al meglio me stessa. anche la personalità ovviamente è tanto importante. io credo di essere più bella dentro che fuori, l’apparenza a volte inganna.
Se potessi tornare indietro faresti qualcosa di diverso a livello professionale e/o di formazione nella tua vita?
Assolutamente sì!!! Studierei tantissimo per lavorare in palestra o comunque sempre in ambito fitness. ma comunque non demordo, sono ancora in tempo! M piacerebbe far conciliare passione e lavoro insieme sarebbe il top!!

Giusy Spalletta: Personal Trainer prima classificata campionato mondiale Miss Figure 2018, Miss Universo CIIB Torino Shape

Forte ed audace, sguardo magnetico e una grande personalità di quelle che da filo da torcere. Ormai è chiaro che Giusy Spalletta, Personal Trainer di successo e lanciatissima nella sua carriera, basta guardare alcune delle sue foto per capire chi è. Autentica, come lei stessa si definisce anche nei social, ma bellissima. Giusy Spalletta è una bellezza tutta italiana per tanti aspetti: occhi scuri, tratti decisi ma dolci.  In foto si trasforma tirando fuori personalità differenti ma che fanno tutte parte del suo essere quotidiano. E con un’invidiabile versatilità che ci comunica tanta voglia di conoscerla meglio

Prima classifica campionato mondiale Miss Figure 2018, Miss Universo CIIB Torino Shape, e molto altro ancora.  Allora non ci resta che leggere le sue parole.

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Sono sempre stata una sportiva. Sin da bambina la mia carriera da atleta è nata con l’atletica leggera. Infatti prima correvo, poi frequentando sempre più le palestre e la sala attrezzi e mi sono sempre più

appassionata alla cultura fisica, alla qualità muscolare ed infine alla definizione.

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo?

il mio percorso è nato per caso da un preparatore di fitness che conobbi a Roma. Lui mi propose di allenarmi in maniera più seria con i pesi curando bene ogni dettaglio del mio corpo. Fin quando abbiamo pensato di preparare la mia prima gara.

Riconoscimenti professionali esempio attestati?

Sono tecnico di primo livello atletica leggera e allenatore nazionale di secondo livello. Ho lavorato anche in alcune palestre. Ho fatto sia da preparatore atletico che da personal trainer.

Come ti vedi tra 5 anni?

Tra 5 anni mi auguro di vedermi più matura dal punto di vista qualitativo/muscolare. E di avere sempre il giusto compromesso corpo/mente e di lavorare sempre in Perfetta armonia

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

tutti gli atleti che svolgono questo sport credo abbiamo un rapporto molto intimo e stretto con lo specchio. Praticamente io mi osservo, mi giudico e mi critico ogni giorno, ma allo stesso tempo sono molto obiettiva e positiva se noto dei miglioramenti che mi piacciono particolarmente.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Mi sono avvicinata ed appassionata sempre più a questo sport subito dopo un brutto infortunio che ho subito correndo col tendine d’Achille. Da allora praticando i pesi quasi tutti i giorni nasceva sempre più il desiderio di primeggiare, di vedermi perfetta e perché no, di sognare qualche vittoria.

Cosa ti piace di questo sport?

Fi questo sport amo tutta la preparazione, dal cibo agli allenamenti, che naturalmente variano d’intensità in base al periodo. E poi la preparazione/organizzazione della gara.

Hai un motto?

Vivo tutto in modo molto intenso e positivo. Ho sempre avuto un motto: “Fino alla fine”. Che significa dare tutto e non risparmiarsi di nulla, fino alla fine.

Cosa significa per te essere bella?

Essere bella può avere tantissimi significati che spesso non sempre Sono collegati all’aspetto fisico. Ma anche a quello mentale. In questo sport se vuoi vincere è farti notare non solo devi piacere fisicamente, ma devi essere disinvolta, disinibita avvolte, divertente e allegra. Dunque bella sia col pensiero che col corpo.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Sono sempre e insistentemente positiva. I momenti di sconforto esistono, nella vita in generale. Ma non bisogna mai abbattersi ma guardare avanti e cercare di migliorarsi. Avendo molta pazienza e fiducia.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Come riferimento ho sempre l’opinione e il giudizio del mio allenatore. Ma chi mi sostiene davvero e mi dà la forza, di guardare oltre, di combattere è il mio fidanzato nonché futuro marito. Devo molto a lui ed alla sua presenza e infinita pazienza.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Avere sempre fiducia in primis in sé stessi, affidarsi sempre a qualcuno che ti segue bene e non fare nulla di testa propria.

Domanda 13

Mangiare sempre bene. Quindi salvaguardare in primis la propria salute, seguire bene gli allenamenti e saperli organizzare in base ai periodi di volume o definizione e poi godersi ogni singolo successo personale e la buona compagnia assieme ad amici in una giornata libera.

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti?

Rifarei probabilmente esattamente lo stesso percorso. L’esperienza si acquisisce vivendo gli eventi o giusti o sbagliati.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale?

Per me il senso della vita è tutto ciò che ci rende felice e ci fa stare bene con noi stessi e con gli altri. Dunque appassionatevi e non abbandonate mai i vostri sogni!

Intervista a Nessie Diielsi Personal Trainer, fotomodella: la moda e lo sport per restare in forma

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito come è nata questa tua passione? 

Il mio amore per la palestra è nato nel 2013, quando ho conosciuto Costantino Galeazzo che mi ha proposto di gareggiare nella categoria Bikini + 1,65h. Da lì in avanti ho fatto dei periodi di stop, ma la passione per la ghisa non se n’e’ mai andata.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Mi piace quello che vedo riflesso nello specchio e cerco di mantenermi in forma il più possibile, mangiando sano, allenandomi e dedicandomi a delle sedute di massaggi linfodrenanti. Cerco di migliorarmi cambiando routine d’allenamento ogni mese.

 

Hai un motto?

Ne ho diversi: -Boia chi molla!  -Vola come una farfalla pungi come un’ape -i campioni si allenano quando i perdenti si lamentano

Cosa significa per te essere bella?

Per me significa essere in pace con se stessi, essere armoniosi, in equilibrio…avere una sorte di luce che illumina te e le persone che hai accanto. essere solari

 

Pensi che questo spot ti abbia cambiato?

Molto, ero abbastanza timida prima, forse molte volte lo sono ancora, non in foto e non in sala pesi ovviamente, però ha sicuramente cambiato e fortificato il mio modo di pensare, di conseguenza il modo di agire.

Oggi vedo le cose da più prospettive.

 

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Non giudico chi ne fa uso, e penso che se usati con sapienza possano aiutare a migliorare delle prestazioni.

 

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Certamente, d’altronde chi non ha dei “periodi No “, l’importante è avere accanto, anche solo con il pensiero persone amiche che ti aiutino a superare momenti di sconforto, e io mi ritengo fortunata, perché so di poter contare su qualche buon amico.

Sia in ambito lavorativo che in ambito personale.

il tuo rapporto con l’ambizione?

Sono molto ambiziosa, voglio il massimo e combatto ogni giorno per avere il meglio, dalla mia condizione fisica, a quella lavorativa, non sono una donna debole, anzi affermo di essere molto spesso testarda quasi ostinata, per questo motivo non è così facile starmi accanto. Infatti spesso chiudo relazioni che mi impegnano troppe energie per essere più competitiva sul lavoro, una vera stakanovista

 

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Scarpe da ginnastica per gli allenamenti e stivali alti in pelle per il tempo libero e qualche anfibio

 

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

 Sono un’eterna sognatrice super ottimista e solare, il pessimismo non mi appartiene, ho ogni tanto qualche sbalzo d’umore, ma dura molto poco …mai più di 12 ore

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale?

Inizierei a studiare all’università prima  Vita sentimentale: Lasciamo perdere, non ne ho il tempo! È già un miracolo se riesco ad andare dalla parrucchiera e ad allenarmi

Collaborazioni?

Al momento collaboro con la palestra Asd New Gym Torino e la mia forma fisica è merito di Lawrence come personal trainer e Alessio Cieri come dietista

In quanto sono fermamente convinta che si può dare il massimo solo se seguiti da un team competente e che ti sproni a dare sempre il massimo Su Milano invece consiglio un collega Stefano Sirioni molto preparato

Per sempre giovani la cover di Personal Trainer Italia dedicata a Francesca Di Mariano

Nessuno vuole invecchiare. Ma c’è una buona notizia: ormai la scienza e le ricerche mediche hanno capito come mantenerci giovani – cioè in salute, in forma, lucidi e attivi – per molti più anni rispetto alle generazioni che ci hanno preceduto. Questo ce lo dimostra anche il personaggio che vogliamo presentare oggi, lei si chiama Francesca Di Mariano segno zodiacale vergine e mamma di due bellissimi figli, Sara di ventuno anni e Francesco di dieci anni. Ed è proprio qui che inizia la sua storia dopo la seconda gravidanza quando Francesca non riusciva più ad accettare la sua immagine. Ed allora con molto piacere oggi leggiamo la storia di Francesca e dei suoi cambianti grazie allo fitness.

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito come è nata questa tua passione?

Dicembre 2016 ho avuto l’onore di conoscere l’Atleta Italiana Barbara Bagnolati. Lei è stata in grado di trasmettermi la passione del bodybuilding ed il mondo delle gare, presentandomi al suo coach (oggi anche il mio) Gabriele Baccinelli. Mi presentai a lui con un obiettivo quello di voler gareggiare nella categoria Bikini.

Premi importanti vinti?

Ho vinto nella categoria Bikini Mamma mentre nelle Bikini Over mi sono classificandomi tra le top 5. Questi risultati mi hanno permesso di fare l’assoluto per provare a vincere la PRO CARD.

Riconoscimenti professionali esempio attestati

Ho frequentato il corso di formazione per personal trainer organizzato appositamente dall’Accademia del Fitness, dove mi è stato rilasciato il diploma, a seguire un corso di formazione ‘indetto dalla FIT (federazione Italiana del Fitness) dove mi è stato rilasciato il diploma come Istruttore di Allenamento Funzionale

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Mi definisco una Bella Mamma, con la voglia di migliorarsi SEMPRE perché una Mamma in primis è Donna.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

il Vero cambiamento è avvenuto quando ho iniziato il percorso con il mio Coach Gabriele Baccinelli, seguendo alla lettera tutte le sue indicazioni proprio come un ‘soldatino’ deve fare, ad aprile 2018 la mia prima gara, partecipando alle selezioni di Perugia con la federazione Ainbb (pertanto Atleti Natural) dove ho vinto nella categoria Over 35 e Model ma il risultato ancora più bello essere arrivata 5 nella categoria per altezza (gareggiando con ragazze della stessa età di mia figlia). Queste vittorie mi hanno permesso di partecipare a Giugno 2018 al Rimini Wellness al campionato Italiano e all’Europe Cup confrontandomi con atleti stranieri

Cosa ti piace di questo sport?

il bodybuilding mi ha permesso di cambiare e costruire il mio corpo facendomi sentire più sexy.

Hai un motto?

MAI MOLLARE! continuare ad andare avanti, magari lentamente ma non mollare mai. Non puoi mai sapere se il tuo prossimo tentativo sarà quello giusto.

Cosa significa per te essere bella?

Per me la bellezza non è all’apparenza fisica, ma quella vera che arriva dall’anima

Pensi che questo spot ti abbia cambiato?

è stata la mia ‘rinascita ‘quel fatidico giorno in palestra mi ha cambiato la vita mi sento bene, sia fisicamente che mentalmente.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Facendo una sana e corretta alimentazione, non è faccio usi eccessivi

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Si capita, ma Mollare fa parte della paura! io non ho paura….

Credi nell’amore?

Certamente, sono spostata da 22 anni, Amo mio marito Marco ed i miei figli. I miei Amici.

La tua cucina preferita?

Da Palermitana, dico quella Siciliana, ma devo dire che anche quella Milanese, città scelta per Amore, non è per niente male (che mi permetto il gg dello sgarro).

Il piatto che ami cucinare di più?

La mia colazione. Pancake semplice e veloce ma tanto buono.

il tuo rapporto con l’ambizione?

L’ambizione è una spinta motivazionale importante per raggiungere obiettivi.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Per vestirsi con stile, l’abbigliamento non basta il portamento ha una grandissima importanza. Il mio look varia l’importante che abbia stile, jeans e tacco alto.

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Vorrei essere ricordata come una Mamma figura del fitness

il tuo rapporto con i social?

Ormai l’uso dei Social Network penso che nessuno può farne a meno, forse perché i social offrono molte possibilità virtuali, ma c’è, come in tutte le cose, anche il rovescio della medaglia dipende ovviamente dall’uso che si fa di questi strumenti.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso

‘speriamo’ perché penso che questa parola, sia molto simile a quello del non è facile.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Preferisco guardare il bicchiere mezzo pieno piuttosto che il bicchiere mezzo vuoto. Amo la mia vita e vale la pena di essere vissuta. Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?  La mia Famiglia. Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?  avere un sogno, cercare di riuscire ad avverarlo questo significa raggiungere un desiderato stato di felicità e benessere e quindi aumenta la nostra autostima

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ? di non far mai uso di nessun genere, solo con tanta fatica potrà raggiungere gli obiettivi prefissati.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professional? se potessi tornare indietro, assolutamente inizierei questo percorsi da giovanissima.

Un’ultima domanda … il senso della vita?

Un viaggio personale, alla scoperta di noi stessi.

L’Intervista a Silvia Steklová, Personal Trainer, Fitness model di Perugia: il successo? star bene con se stessi

Lei si chiama Silvia Steklova, Fotomodella, Fitness Model e personal trainer.  Laureata in scienze motorie, e in scienze tecniche dell´attività sportiva all’università di Perugia, in più una laurea breve in Infermieristica (Perugia) il suo segno zodiacale è cancro. Silvia All’età di 14 anni inizia a muovere i primi passi nell’aerobica poi il grande amore per il fitness allora non ci resta che leggere la sua intervista.

Premi importanti vinti?

vice campionessa italiana 2017 e 2018 AINBB (natural body building)

Riconoscimenti professionali esempio attestati

Laurea magistrale in scienze motorie , laurea in infermieristica

Come ti vedi tra 5 anni?  sempre in forma.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Una ragazza fitness, ho accettato il mio corpo (nel bene e nel il male)

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

A 14 anni mi allenavo in piscina, facevo il nuoto, e di fronte la piscina c´era una nuova apertura palestra di una bodybuilder slovacca famosa, per curiosità sono entrata per informazioni, e ho iniziato a frequentare i corsi di aerobica. da dove sono venuta in possesso delle riviste su bodybuilding… nel 2005 a 18 anni sono stata contattata dalla federazione slovacca di BB, se volessi a gareggiare. inizialmente scettica, dopo averci pensato un po’ ho accettato. ed ho svolto la mia prima gara nel 2006, Grand prix Slovakia categoria “fitness model! dove vinsi la medaglia di bronzo. e mi sono guadagnato il posto nella nazionale slovacca. a quel periodo mi sono trasferita in Italia ed ho lasciato la mia passione un po’ dormiente…

Cosa ti piace di questo sport?

Mi piace, perché si instaura una sorta di sfida con sé stessi.  Cosa investi (in termini di allenamenti /dieta) il tuo corpo risponde positivamente e ti ripaga gli sforzi. Al contrario non si lo può dire una volta saliti sul palco di gara, dove si è valutati da una giuria, e quindi non sempre c´è la classifica a pari merito… non è una corsa a 100 mt dove si misura il risultato con il cronometro… si parla anche di estetica in questo sport, quindi sul giudizio può influire anche giudizio soggettivo… ma la cosa migliora in questo sport? è una disciplina “anti-age” più potente che io conosca. meglio di così 🙂 (parola di una infermiera …che sono )

Hai un motto?

“Se continui a pensare ad una, significa che la devi fare ”

Cosa significa per te essere bella?

piacersi anche in modalità ” acqua e sapone”

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

Credo che c´è qual cosa più grande di noi il su.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se sì in cosa?

Assolutamente sì.  Tira fuori il meglio di te, prendi la coscienza del proprio corpo, diventi la “padrona” di te stessa… Ti fortifica anche mentalmente, ti accresce l´autostima. facendo un po’ di muscoli, ti senti ancora più femmina..

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo? In eccesso tutto fa male all´organismo. ma in linea generale sono “pro” integratori. un sportivo ha bisogno soprattutto di una rigenerazione avanzata.  (come dice parola stessa:: vanno INTEGRARE non SOSTITUIRE, altrimenti non funzionano.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Sì accade ..(durante la preparazione capita essere più vulnerabili) mi è sempre aiutato a pensare, il “perché” ho iniziato,  quindi non riuscivo più a mollare… a continuavo pensare razionalmente..

Credi nell’amore?

Sì e bisogna crederci è la forza motrice nella vita redo nell´amore proprio e per gli altri…

Il tuo rapporto con l’ambizione?

è positivo. credo che l´ambizione è un nostro diritto e dovere.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Sporty glam, Californiana classica, non manca un tubino nero e tacco 12.

Il tuo rapporto con i social?

Ottimo, è bello essere connessi col mondo.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso Ce la puoi fare. Sei ottimista o pessimista sul futuro? ottimista sempre. Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?  sì, naturalmente la famiglia. Ho imparato che nella vita ci possono aiutare molto, le persone che uno non si lo aspetterebbe.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport? rimanere sé stessa, essere costante, non dimenticare a divertirsi.

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ? non pensare solo allenare il muscolo in ipertrofia, ma pensare anche alla flessibilità e lunghezza del muscolo , e sempre riscaldamento prima e stretching dopo la seduta per rigenerare i tessuti.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale e di formazione nella tua vita ?

A distanza di tempo, pensandoci forse qualcosina. ascolterei i me stessa .ma meglio concentrandosi sul futuro…

Un’ultima domanda… il senso della vita?

Diventare la versione migliore di sé stessi.

Rita Soro, TOP Personal Trainer: ““La vita come un viaggio relativamente breve”

La vita come un viaggio relativamente breve, un’esperienza che ci porta a conoscere nuovi mondi, nuove realtà, lasciarsi guidare dalla curiosità”, la stessa che ha portato il personaggio di oggi a viaggiare per anni intorno al mondo. Lei si chiama Rita Soro, segno zodiacale Toro il suo bagaglio professionale non è da poco: personal Trainer, terapista alimentare, fitness nutritionist, da non dimenticare la sua filosofia di vita Buddista “Consapevolezza dell’Energia Vitale Universale” antichissima filosofia di benessere Il Mahayana tibetano. Oggi Rita Soro porta avanti il suo impegno nell’aiutare le donne a prendere maggior consapevolezza di sé, motivando e rafforzando la propria immagine. Arrivata all’età di quarant’anni, dopo aver fatto grandi esperienze professionali Rita si presenta come una donna piena di risorse, capace di vedere il mondo con occhi maturi, sicura delle sue scelte. Amore per la vita… dunque una donna che riesce a motivare e trasmettere sicurezza che si racchiudere in poche parole. “Ogni limite esiste per essere superato”

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito come è nata questa tua passione?

Vedendo trasformare la mia mente ed il mio corpo con la ritualistica del bodybuilding sono sta affascinata dalla forza fisica e mentale che ne deriva. Adoro allenarmi e amo la mia dieta, il bodybuilding non è per tutti ma quando ti prende ti scorre davvero nelle vene.

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo?

Ho in tasca 5 lingue e sono sempre stata appassionata alla scrittura e alla cucina. Così nel 2012 ho intrapreso un percorso formativo di cuoca di cucina naturale e di terapista alimentare. Mi alleno in sala pesi da 4 anni e da due sono atleta bikini agonista, sto ampliando il mio percorso formativo come personal trainer con ISSA Europe.

Premi importanti vinti?

Il primo è stato un secondo posto in una gara di powerlifting regionale Piemonte 2015, terzo posto bikini natural over 35 Ainbb 2017, quinto posto open bikini NBFI 2018 e terzo posto bikini natural master NBFI 2018 con qualifica per i campionati italiani 2018

Come ti vedi tra 5 anni?

Non so fino a quando avrò voglia di salire su un palco ma sarò di certo in palestra a seguire questa mia passione e a continuare a trasmetterla agli altri.

 Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Forte, femminile, coerente, sicura di me, bella dentro e bella fuori.

 Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Durante un soggiorno in Florida a Miami, ero reduce di un importante incidente stradale che mi aveva fatto prendere coscienza dell’importanza di avere muscolo per proteggere le mie ossa che hanno subito un pesante impatto. Volevo arricchire il mio lavoro di terapista alimentare e decidi di fare una ricerca sulla dieta vegana nello sport. Seguendo un gruppo di vegani americani che praticavano bodybuilding, entrai in palestra per provare questo famoso stacco da terra e fu amore a prima alzata.

 Cosa ti piace di questo sport?

Sono affascina da come la mente possa essere in grado di spingere il corpo a uscire dai propri limiti, come si possa avere padronanza del proprio corpo con un’ottima conoscenza della relazione tra dieta ed allenamento. E ammetto che di questo sport amo ogni dettaglio ritualistico, dalla preparazione del cibo a quella dell’allenamento. Tutto mi scorre nelle vene.

 

Cosa significa per te essere bella?

significa migliorare ogni aspetto del mio profondo Se e questo si riflette all’esterno.

 Credi in Dio? o meglio a cosa credi?

Seguo il buddismo tibetano mahayana da più di dieci anni.

Non è una religione ma una filosofia di vita Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se sì in cosa?

Mi ha reso molto più forte e stabile. Sono una persona molto varia, proprio perché ho diversi interessi, già il fatto di essere trilingue crea varietà e desiderio di vari stimoli. Lo stile di vita del bodybuilding aiuta a rimanere centrati, rafforza la mente poiché è un impegno quotidiano nella dieta non solo nell’allenamento che per me è una meditazione dove mi concentro sulla simbiosi corpo/muscolo e mente. E poi amo essere in preparazione, lavorare sodo per raggiungere un obbiettivo aiuta ad avere una grande voglia di migliorare sé stessi.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Sono molto restii sull’uso di integratori e ho voluto gareggiare proprio per dimostrare che con una dieta vegana sana senza uso eccessivo di integratori o di soia si potesse avere un fisico atletico competitivo.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Devo ammettere che al contrario la mia passione per il bodybuilding mi ha sempre aiutata a superare i momenti difficili della vita, nonostante i problemi fisici derivati da una vita sedentaria e dall’incidente che mi spinse ad allenarmi.

Credi nell’amore?

Credo che l’amore sia l’unica cosa che ci fa vivere, è l’unica cosa che crea. L’amore per me è nella mia passione per il mio sport, nei miei rapporti con gli amici e le persone che incontro e soprattutto è nella mia connessione con la Natura, ragione per la quale sono vegana e porto sul palco la mia alimentazione.

La tua cucina preferita?

La mia. Vegana, consapevole, colorata saporita, il connubio perfetto per me è il dolce e piccante, come la mia vita.

C’è un piatto che ami cucinare di più?

La crosta di zucca. Ma in genere qualsiasi dolce. Amo creare dolci sani vegani senza zucchero, è la mia specialità. Dalla crostata alle creme, passando per i cioccolatini. Rimango golosa ed ho imparato a creare ricette compatibili con la mia dieta da bodybuilder agonista.

il tuo rapporto con l’ambizione?

È necessaria per crescere. La mia ambizione sarà sempre quella di migliorare ogni aspetto di me sia interiore che esteriore.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Canottiera, pantaloncini e leggings. amo vestirmi sportiva ma non deve mai mancare un intimo sexy

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Come una persona che ha migliorato sé stessa dentro e fuori nonostante le difficoltà della vita con grande entusiasma.

Il tuo rapporto con i social?

è un po’ una grande famiglia. Sono molto presente per diffondere il mio stile di vita vegano sano ma soprattutto sono una grande motivartice e amo essere presente per gli altri.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Sempre ottimista, sempre con il sorriso, credo nel potenziale della nostra mente.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Il primo riferimento è stato Alex Zanardi, dopo l’incidente mi sono ricordata di come ha affrontato l’amputazione delle sue gambe, di come si sia concentrato su potenziare quello che li è rimasto questo mi ha dato e mi dà sempre una grande spinta. Sul mio percorso agonista devo molto alla mia coach Daniela Camboni, ha creduto in me al primo incontro quando non sapevo neppure cosa volesse dire affrontare una preparazione agonista, è sempre stata presente è una donna con D maiuscola, vedere come affronta la vita mi dà sempre una grande motivazione, li devo molto.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Datevi tempo, abbiate fiducia nel percorso, e metteteci passione perché davvero l’impegno premia.

 Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti?

Essere seguiti da una persona competente ed avere pazienza. Molti mollano proprio perché mancano questi requisiti fondamentali.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale e/o di formazione nella tua vita?

L’unica cosa che rimpiango è non avere iniziato prima. La ghisa come si dice in gergo è davvero la tua migliore amica, in qualsiasi mood tu possa entrare in palestra, ne esci sempre felice.

Un’ultima domanda … il senso della vita?

Sviluppare le nostre qualità interiori, così nasce un amore profondo per sé stessi che portiamo anche nei nostri rapporti quotidiani.

Intervista a Alessia Gerletti: La Blogger con la passione per il personal trainer

Oggi noi di personal Trainer itali abbiamo intervistato Alessia Gerletti, segno zodiacale Gemelli, la sua grande passione è la musica degli anni 80, il suo motto è Se vuoi qualcosa, impegnati e prendila. Ecco come a risposto alla nostro domande.

 

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Dal dolore. Ho fatto un lungo viaggio dentro di me per capire chi sono e cosa voglio dalla vita. Se vuoi arrivare da qualche parte, devi conoscere i tuoi talenti e le tue capacità. Non puoi lasciare nulla al caso.

Cosa significa per te essere bella? Piacersi con sano menefreghismo

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?: In qualcosa di più grande di noi. Occorre umiltà verso il mistero dell’universo.

Come ti vedi tra 5 anni?

Realizzata professionalmente e con una vita appagante

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Non mi definisco, sono e basta! Con determinazione, leggerezza di spirito e amore per la vita.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Ho sofferto di problemi con il cibo. Pensavo che la magrezza mi avrebbe dato tutto quello che volevo. Controllavo minuziosamente ogni dettaglio della mia routine, programmavo ogni minima situazione e, se qualcosa andavo storto, mi punivo sempre in modi diversi. Togliermi il cibo era quello che preferivo di più. Con il tempo e tanta fatica, ho imparato ad amarmi. Questa passione mi ha aiutato a superare momenti difficili.

Cosa ti piace di questo sport?

La passione e la tenacia con cui si possono raggiungere i propri obiettivi.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se sì in cosa?

In tutto. Quando sono in palestra, mi sembra di poter spaccare il mondo con grinta e determinazione. Poi ho creato un mio modo di essere e di pormi con le persone. Insomma, questa passione m’ha proprio stravolta!

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Ragazzi non scherziamo, non è qualche integratore a far male. Il punto è che vogliono tutti entrare in questo mondo indipendentemente dalla genetica di partenza e dalle possibilità effettive, allora trovano escamotage di ogni tipo per farcela. Inoltre più sei grosso e definito, meglio è. Ci si cala di tutto senza pensare alle conseguenze. Ma, se ci pensiamo bene, non si può parlare di sport in questi casi perché benessere fisico e psicologico si intrecciano indissolubilmente. Lo sport è, soprattutto, amore e rispetto del corpo e della vita.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

No, ho sempre trovato la forza per riuscire nei miei obiettivi.

Credi nell’amore?

Certamente. Attendo pazientemente la persona giusta e credo fortemente nell’amore di una vita. Penso, poi, che l’amore riguardi l’intera esistenza. Non riguarda solo il rapporto di coppia ma va oltre. Puoi amare qualsiasi cosa (il tuo lavoro, i tuoi figli, le tue passioni…) ma devi amare per vivere realmente.

Il piatto che ami cucinare di più?

Non c’è un piatto in particolare! Adoro la creatività in cucina e m’impegno a metter un po’ di me anche nei piatti che porto in tavola.

il tuo rapporto con l’ambizione?

Fa parte di me da sempre. è uno dei miei pilastri. Mi piace

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Tuta e scarpe da ginnastica.

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Non mi interessa essere ricordata. Però mi impegno quotidianamente per far qualcosa di buono per questo mondo. Basta poco, eh. Una parola gentile a una persona triste, un po’ di incoraggiamento verso chi non si sente mai all’altezza, una carezza ad un gatto…

il tuo rapporto con i social?

Tranquillo. Utilizzo i social per farmi conoscere e motivare gli altri. Tutti possiamo farcela, nessuno escluso.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso

Tutto è possibile con impegno e sacrificio

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Parecchio ottimista, il bicchiere lo vedo strabordare.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Mamma e zia. Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci dia una mano nei brutti momenti, da soli non si arriva da nessuna parte.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Valuta le tue possibilità e, se hai la genetica dalla tua parte, buttati senza guardarti indietro.

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ?

Lavoro duro e sacrificio. Non c’è altro da dire.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale eo di formazione nella tua vita ?

No, errori e sbagli me li tengo stretti perché mi hanno portato ad essere la persona che sono. Ringrazio per ogni ferita riportata sul campo di guerra. Sono un’amazzone, combatto ogni giorno per me, i miei valori e gli obiettivi di una vita.

Un’ultima domanda … il senso della vita?

Da quando la vita ha un senso? Noi possiamo impegnarci con dedizione ma è lei, in fin dei conti, a decidere. Meravigliosamente imprevedibile, ti prende per un braccio e ti porta dove vuole. Spesso dentro situazioni, luoghi e persone che nemmeno immagini.

Nadia Capotosto Personal Trainer di Napoli: la mia sfida per il successo

Nadia Capotosto la Personal Trainer originaria di Napoli oggi a noi di personal trainer Italia ci racconta del suo percorso sportivo e non solo, curiosità sulla vita privata, amore, passione, e una gran voglia di rivoluzione.  

 

Per farti conoscere meglio ai nostri lettori gli atleti facciamo sempre una domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Come una sfida, all’epoca il proprietario della palestra dove andavo era culturista e quando gli chiesi voglio gareggiare lui mi disse lascia perdere è una vita di merda non è per tutti è tosta nn c’è la puoi fare, e io dissi ti dimostrerò che posso, da lì il mio primo palco e come dicono tutti purtroppo è vero, una volta assaggiato non puoi più farne a meno.


Ci racconti in breve il tuo percorso formativo?

Non posso dire di aver avuto un percorso indirizzato a fare il personal Traner o a lavorare nel mondo dello sport anzi sono laureata in tutt’altro, economia aziendale con anche il massimo dei voti ma non mi è mai piaciuto stare dietro una scrivania, infatti il mio tempo libero lo passavo a fare attività fisica o comunque qualsiasi cosa che non mi portasse a stare seduta. Dal primo anno di università mi iscrissi in palestra e iniziai a sognare un certo fisico, da lì iniziò la mia deviazione mentale.

Riconoscimenti professionali esempio attestati

Corsi di pt, nutrizione dello sport primo e secondo livello, allenamento femminile e donne in gravidanza.

 

Come ti vedi tra 5 anni?

Più che come mi vedo come spero di vedermi, atleta affermata a livello professionistico con il mio nome riconosciuto in Italia e all’estero per aver partecipato più e più volte al mr Olympia e aver ottenuto top 5 come piazzamenti

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Una ragazza che sta crescendo sta cercando di realizzarsi e lo sta facendo col cuore con la determinazione e con la passione che l’ha sempre contraddistinta e forse sempre portata avanti

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Come in ogni cosa bisogna viverle le situazioni per capire di che si tratta, ebbene ho iniziato proprio così con i primi orsetti i primi esercizi poi mano vedevo che progredivo che lo sforzo non mi spaventava e che Per ottenere risultati bisognava sudarsela la pagnotta, vedevo che i carichi li potevo aumentare sentivo i muscoli che lavoravano e questa cosa mi piaceva poi i primi risultati visivi e poi la scelta di prendermi un personal trainer sempre vicino negli allenamenti perché capii che per fare prima un buon personal ti faceva arrivare a 100 dove tu da sola arrivi a 60 e quindi feci il mio primo investimento su me stessa, poi da lì la voglia di allenarsi con uno scopo ultimo e quindi gareggiare, e poi capii che non era solo uno scopo fine a se stesso ma il mio amore più grande

Cosa ti piace di questo sport?

Non c’è una cosa c’è un perché mi piace o forse nemmeno quello mi piace e basta! Il sacrificio il sudore le privazioni le rinunce tutto per ottenere ciò che sai arriverà dopo tutta questa sofferenza cioè la soddisfazione di vederti come vuoi, ma soprattutto amo questo sport perché mi rende ciò che sono mi ha dato la mia identità e il mio scopo di vita non legato a una persona esterna ma unicamente a me stessa.

Hai un motto?

Insegui i tuoi sogni e non smettere mai di combattere.

Cosa significa per te essere bella?

Essere ciò che si è fiera di esserlo.

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

Credo che ci sia una entità superiore che ha disegnato già tutta la nostra vita e che ci guida nel compiere scelte.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se sì in cosa?

Si profondamente cambiata, nel modo di essere e nel modo di conoscere le persone, mi ha reso individualista, ha esaltato la mia forza interiore, ha cambiato le mie priorità, mi ha reso più combattiva, e ha rafforzato la mia durezza esteriore verso gli altri portandomi a non fidare di nessuno se non solo dopo averlo ben pesato.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Gli integratori sono Integratori servono a integrare quindi..

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Si ci sono stati momenti scoraggianti ma non ho mai pensato di mollare, anzi ho vissuto anni di inquietudine di tormento per rincorrere i miei sogni e per cercare di essere una buona atleta mi hanno portato ad allontanarmi dalle persone che mi volevano bene ma non mi importava stavo male m dovevo andare avanti e fare del mio meglio per essere ciò che volevo essere

Credi nell’amore?

Bella domanda, tempo fa avrei detto sì senza esitazione anzi ero innamorata dell’amore dicevo sempre, oggi dico NI, credo nella stima e nel rispetto tra due persone ma amore penso non ci sia più come una volta.

Il piatto che ami cucinare di più?

Io non so cucinare sono una capra, faccio solo piatti fit, e non elaborati, ma il mio piatto preferito la carbonara.

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Nadia l’atleta che ha collezionato tante vittorie e ha fatto la storia del body building in Italia…. lo so è molto poco umile come cosa ma è coerente con l’ambizione che ho e alla domanda…” come mi piacerebbe” e ho risposto a tono in modo molto utopistico ma ci piace sognare in grande.

il tuo rapporto con i social?

Ci sto lavorando so che sono fondamentali e mi ci sto dedicando di più, più che altro perché vorrei trasmettere qualcosa di diverso di me stessa come atleta e come donna allo stesso tempo che possa essere un modo in cui magari altre donne possono riconoscersi e aiutarle dove loro da sole non riescono, quello che sarebbe piaciuto a me di ricevere nei momenti bui che ho avuto.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Non faccio prognostici spero sempre che vada tutto bene ma non mi sbilancio mai in positivo o negativo.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

A oggi posso dire nei momenti più bui in passato mi aiuto il mio ex ragazzo che è stato veramente un angelo in tante circostanze e io non lo meritavo, poi quando pensavo di aver perso veramente la bussola e non sapevi più chi fossi c’è stato Enzo il mio attuale preparatore che mi ha stravolto la vita e ricordato la persona che ero e confermato la persona che sono oggi, non cito la famiglia perché questa c’è sempre ma si sa a volte non sempre capiscono le nostre scelte e i nostri silenzi.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Amalo con la testa e col cuore, rimani umile.

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti ?

Ottima scelta e cerca di portare avanti questa anche se ti faranno cadere in tentazioni, ma sii forte nel perseguirla con tutti i pro e contro che ne comporta come in ogni cosa del resto.

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale?

No farei tutto esattamente uguale tranne uno spiacevole avvenimento che mi costò non poca sofferenza e non poche conseguenze… ma è servito anche quello (diciamo) ma va bene così, tutto fa crescere.

Un’ultima domanda … il senso della vita?

Bellissima domanda…. posso rispondere il senso della mia vita quale possa essere e penso sia essere Nadia, che possa, quando sarà grande, guardarsi indietro e dire sono fiera della vita che ho vissuto e sperare di aver rispettato il cognome che porto e che lui da lassù possa essere stato fiero di avermi avuto come figlia.

Barbara Bignami: Professionista tattoo con la passione per il Bodybuilding bikini

Per molti una maestra del tattoo, per altri una promettente atleta Bikini wellness, oggi vi presentiamo Barbara Bignami tatuatrice Bolognese con un’immagine forte, di grande impatto di quelle che non passano inosservate. Segno zodiacale sagittario, musica preferita Reggae ton, ha già conquistato il quarto posto agli italiani ifbb, ed ecco allora per i lettori di Personal Trainer Italia la sua intervista.

Ci racconti in breve il tuo percorso formativo?

Ho sempre fatto sport fin da piccola, ho trovato passione e amore per la palestra da quando stavo con mio ex fidanzato 2 anni fa. ormai è diventato uno stile di vita, sano mi rilassa e mi riempie di obiettivi personali, una sorta di crescita personale continua, ed è così che Tramite lui che mi ha trasmesso la sua passione come una sorta di amore e l’ho percepito tutto, infatti mi sono innamorata di lui come di questo sport. E anche se purtroppo non stiamo più insieme amo andare in palestra, come se fosse una seconda casa.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci? Una persona altruista…che ama sorridere , ama divertirsi, ama far star bene gli altri. Viviamo in un mondo di cattiveria e di egoismo, dimostrare che ci sono anche le persone buone e sincere mi riempie di orgoglio personale, mi fa sentire bene, una sorta di diffusione di energia positiva. Cosa significa per te essere bella?  Star bene con te stessa, fuori ma soprattutto dentro

Cosa ti piace di questo sport?

Mi rilassa, mi scarica, mi fa star bene, mi diverto anche perché mi piace prendermi cura di me stessa, il mio fisico, lo alleno per migliorarlo e per farlo star bene ,anche in futuro

Hai un motto?

Diciamo che ne ho molti: in primis: “avete tutti ragione basta che non mi rompete le palle” , “la vita è come uno specchio se tu sorridi lui ti sorride” e l’altro “ vivi ogni giorno come se fosse l ‘ultimo”

Credi in Dio ?

Si credo in Dio, e non me ne “vergogno” credo che le cose succedono per un motivo, quelle brutte servono a farci crescere, quelle belle a godersi la vita .

Pensi che questo spot ti abbia cambiato?

Sì mi ha cambiato caratterialmente sono più determinata ho sempre un obiettivo da darmi, Sia nella vita che nel lavoro ovviamente in questo sport, mi ha alzato molto la mia autostima, Sono sempre stata una donna soldato ma ora lo sono di più! degli Amici mi chiamano XENA!

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Penso che bisogna sempre parlare con una persona esperta e farti seguire da chi ne sa , fare diete o integrazione fai da te porta a distruggerti o a farti del male

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Beh crisi di fame ne ho passate! Hehe scherzo, Però per fortuna no, ho sempre camminato dritto a testa alta perché mollare per me significa fallimento. E dopo tutto il lavoro che fai, sacrifici , impegno, fatica, invece che andare avanti se cedi è come se tornassi indietro

Credi nell’amore? Credo immensamente nell’amore , si riescono a fare cose che nella vita non faresti mai . Solo che è difficile trovare qualcuno che ti ami esattamente al tuo stesso modo. è una cosa molto importante, forse l unica che conta davvero, ma purtroppo sono ancora una sognatrice, in un futuro arriverà.

La tua cucina preferita?

Di cibo in generale mi piace Tutto! E ma adoro un sacco andare a mangiare sushi, oppure il combo pizza-gelato!!! Mentre un piatto che ami cucinare di più? Adoro cucinare I miei pancake, fare dolci proteici e salutari!

il tuo rapporto con l’ambizione?

Sono molto ambiziosa ma anche molto umile, Sono nata e cresciuta con un insegnamento in cui Per guadagnare qualcosa posso essere solo io ad mandarla a prendere, niente cade dal cielo e nessuno ti regala niente…. può solo succedere un’ottima opportunità ma sta in noi a coglierla

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Beh sono una tatuatrice marmaglia, quindi abbigliamento sportivo e Tamarro!

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?

Come santa barbara! Hehe scherzo, però di certo sono una persona molto paziente. Spesso non mi spiego come possa avere tutta questa pazienza!

il tuo rapporto con i social?

Per un motivo di lavoro mi è molto comodo la gente mi vede mi conosce e mi segue, ma la verità è che rovina i rapporti, Non solo di amicizia ma soprattutto d’amore

Una tua citazione una frase che ripeti spesso

Non mi importa per quante volte dovrò stare male cadere o crollare, mi rialzerò sempre più forte e da sola continuerò ad andare avanti, perché alla fine solo su di me posso contare … io mi fido di me.

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Io sempre ottimista, lo dirò sempre che vedo il bicchiere mezzo pieno! Mai mezzo vuoto… E il futuro dipende solo da noi quindi sono dell’idea che se costruisci qualcosa di bello puoi vivere solo al meglio!

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

Si dice sempre che nei momenti più difficili puoi scoprire quanti veri amici hai, E mi sono stupita di quanti ne avevo io, non sono mai stata da sola, di questo ne sarò sempre grata perché ci sono tante persone che mi vogliono davvero bene.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport?

Che bisogna amarlo e prenderlo seriamente come uno stile di vita perché cambia tutto, E fa solo del bene ovviamente!!!

Ad un giovane atleta che voglia intraprendere un percorso di bodybuilding natural che consigli fondamentali daresti?

Come dicevo prima, farsi seguire da un preparatore che sappia fare il suo lavoro seriamente, Che sappia tutto nel bene e nel male , Perché comunque chi ti segue deve farti solo stare bene

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale?

Assolutamente no, farei tutto uguale. perché se sono così è stato grazie a quello che ho passato

Un’ultima domanda … il senso della vita?

Bisogna apprezzare di più le cose che si hanno, non quelle che non si hanno. E trattare sempre le persone con rispetto perché un giorno tutto quello che facciamo verrà ripagato , chi semina bene raccoglie bene, ma chi semina merda ………………non raccoglierà fiori!!!!