Coronavirus: tutto in una stanza, gli italiano che si sono mantenuti in forma durante la quarantena

Spread the love

Non ci sono l’odore della terra rossa, la polvere che si infila nei calzini, i pollini caduti dai fiori degli alberi che si posano sul campo. Non c’è il suono secco della pallina che rimbalza sul rettangolo. Non c’è nulla di tutto ciò. L’unico rumore, in lontananza, è quello della lavastoviglie, il vociare dei fratelli nella stanza di fianco, l’immancabile borbottio della tv in sottofondo. È la scuola di tennis in quarantena. Migliaia di bambini e ragazzi costretti a seguire in video, nel tinello, le istruzioni dei maestri che, normalmente, incontravano al pomeriggio al circolo. Così gli esercizi per tenersi in forma e i video degli allievi diventano uno spaccato interessante su come si può trasformare lo sport all’aperto in una attività da appartamento. “Quel che conta – dice Ramon Rodriguez, maestro a Torino al circolo Sporting – è che i ragazzi continuino a impegnarsi sia dal punto di vista dell’esercizio fisico, sia cercando di continuare ad allenare le capacità tecniche”. Inevitabilmente tutto avviene in streaming. E non è semplice. Molti seguono le lezioni della scuola dal mattino fino alle tre del pomeriggio. Poi tocca al tennis stando chiusi nel soggiorno: non è certo la stessa cosa che sfogarsi in un campo del circolo.
Anche Marco Lo Fermo, professione di scienze motorie e personal trainer alla Virgin di Torino, ha i suoi problemi da superare: “A casa molti non hanno l’attrezzatura ” . Problema insolubile? “Bisogna avere fantasia. Per i ragazzi il pacco delle bottiglie di acqua minerale va abbastanza bene come peso da sollevare. In fondo sono 9 chili. E per le ragazze una sola bottiglia d’acqua da un chilo e mezzo serve da manubrio ” . Molte palestre hanno ormai adottato le piattaforme che consentono lezioni individuali o collettive. ” Diverso spiega Marco – è il problema della ginnastica per la scuola. In molti istituti possiamo svolgere in video solo la parte teorica”.
Gianluca Luddi è tecnico federale nazionale della Fit allo Sporting. Racconta: “Nel nostro circolo abbiamo diviso i ragazzi in 13 gruppi seguiti da un maestro. Quel che conta è fare in modo che si percepisca il senso della sfida. Così l’interesse per la scuola tennis aumenta”.
I filmati raccontano storie di appartamenti ordinari trasformati nel centrale di Wimbledon. ” Una delle sfide più diffuse – dice Rodriguez – è quella del palleggio tenendo la racchetta nella mano sbagliata, la destra per i mancini e viceversa ” . Nel filmato un ragazzino resiste 46 secondi. La compagna di corso lo batte superando il minuto. Ma lei eseguiva l’esercizio in cortile mentre il ragazzo era sistemato nel corridoio. Per Luddi “il record è quello dell’allieva che ha fatto fino a 25 palleggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *