Disturbi dell’alimentazione: al pronto soccorso c’è il codice lilla

Spread the love

Il ministero della Salute ha elaborato raccomandazioni specifiche per aiutare gli operatori sanitari ad accogliere i pazienti in pronto soccorso. E anche consigli per i familiari: perché è fondamentale individuare i disturbi alimentari nella fase iniziale

IN ITALIA, sono circa 3 milioni e mezzo le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentare (Dca). Anoressia, bulimia e binge eating – disturbo da alimentazione incontrollata – i più conosciuti. Si tratta di una vera e propria epidemia sociale che sta registrando un abbassamento sempre maggiore dell’età media dei pazienti. Non solo adolescenti e giovani adulti, ma anche bambini. Spesso le conseguenze sono tanto gravi da mettere a rischio la vita del paziente; è, infatti, fondamentale accorgersi in tempo di tutti quei campanelli d’allarme per intervenire tempestivamente ed evitare gravi problemi sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *