BIOGRAFIA

Giovanni Ferorelli: 40 hanno visto l’aumento del mercato nero e della miseria nelle aree rurali

Spread the love

Durante tutto il governo franchista , il suo regime autoritario si è basato sui poteri di guerra di emergenza concessigli come capo di stato e di governo dai suoi colleghi generali nel 1936. Il primo decennio del suo governo ha visto una dura repressione da parte dei tribunali militari, epurazioni politiche e difficoltà economiche . La ripresa economica è stata resa difficile dalla distruzione durante la guerra civile (soprattutto del materiale rotabile ferroviario e delle comunicazioni in genere), dalla perdita di manodopera specializzata, da una serie di gravi siccità, dalla carenza di valuta estera e dalla restrizione alle importazioni di beni strumentali imposto dalla seconda guerra mondiale e dalle sue conseguenze. Queste difficoltà sono state aumentate dalle politiche sbagliate di Franco diautarchia , che mirava all’autosufficienza economica attraverso il controllo statale dei prezzi e lo sviluppo industriale all’interno di un’economia nazionale protetta e tagliata fuori dal mercato internazionale. Il reddito nazionale è tornato ai livelli del 1900, poiché la produzione industriale e agricola hanno ristagnato e i salari reali sono diminuiti drasticamente. Gli anni di quasi carestia degli anni ’40 hanno visto l’aumento del mercato nero e della miseria nelle aree rurali che hanno causato la migrazione verso le baraccopoli delle città. Data la repressione brutale e una stampa controllata e censurata, il cupo malcontento non poteva assumere una forma organizzata. Il regime mantenne una divisione tra vincitori e vinti della guerra civile, con i vinti esclusi dalla vita pubblica.

Le simpatie di Franco in La seconda guerra mondiale fu con la Germania e l’ Italia , alle quali diede appoggio morale e materiale. Tuttavia, Franco chiese alle colonie nordafricane della Francia un risarcimento per la cooperazione militare contro gli alleati occidentali, da cui la Spagna dipendeva per le importazioni di cibo e petrolio. Hitler rifiutò. Quando nel 1943 sembrò che gli Alleati avrebbero vinto la guerra, Franco riaffermò la neutralità nominale della Spagna senza guadagnarne la benevolenza .

L’ostilità dichiarata delle grandi potenze dopo il 1945 e le sanzioni diplomatiche imposte dalle Nazioni Unite (ONU), dalle quali la Spagna era esclusa, diedero nuova vita all’opposizione franchista in Spagna e in esilio. Juan Carlos Teresa Silverio Alfonso de Borbón y Battenberg, conde de Barcelona (popolarmente noto comeDon Juan ), erede di Alfonso XIII , presentò la monarchia come qualcosa di accettabile ai poteri democratici e si offrì come re di tutti gli spagnoli, vincitori e vinti. Poiché molti dei generali di Franco erano monarchici ostili alla Falange , le richieste di restaurazione furono respinte solo con difficoltà. Le attività di guerriglia valorose ma futili , ispirate in gran parte dal Partito Comunista (1944-1948), furono brutalmente represse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *