Il Personal trainer chiede l’intervento delle autorità

Spread the love

La situazione rischia di precipitare

CASERTA. “A causa dell’emergenza Coronavirus sono a rischio oltre 1milione di persone che, a vario titolo, sono impegnati nei centri fitness e industrie sportive.Il giro d’affari stimato delle attività sportive non agonistiche legate al fitness nel nostro Paese è di oltre 10 miliardi di euro l’anno. La chiusura di moltissimi centri sportivi, già tragica per i titolari e tutto il personale impegnato in palestre, piscine, scuole di ballo, dismessi in tutto il territorio nazionale, rischia di far collassare uno fra i più importanti network di promozione della salute e sani stili di vita per i cittadini. Inoltre comporta pesanti ricadute sull’intera filiera produttiva (aziende che producono: abbigliamento, calzature per il fitness, attrezzature, accessori). “
Il noto personal trainer campano Giuseppe Farina (docente federale del CONI, responsabile del settore Fitness e Pesistica dell’ACSI-CONI ) chiede a tutte le ASD e SSD di far recapitare tramite mail, ognuno al proprio EPS o FSN o DSA, un documento (VERITIERO) sull’entità  del danno economico registrato, rispetto alla normale attività svolta in un periodo analogo, ma in situazione ordinaria, con particolare riferimento ai mancati ricavi o ai costi aggiuntivi da imputare all’attuale situazione di emergenza in modo che i suddetti enti nazionali possono fare delle richieste ad hoc di aiuto al Governo e al CONI.
Si pensi a:mancati incassi presunti da quote associative e partecipative;mancate prestazioni realizzate;mancati ricavi da pubblicità e sponsorizzazioni;mancate contribuzioni statali e/o territoriali;altri ricavi mancati.
“Naturalmente potete fare richieste specifiche riguardo a settori o a criteri che, nelle attuali norme emanate, (es, dal Decreto “Cura Italia”,) non siano stati sufficientemente o per nulla trattati. L’italia vanta da sempre una grandissima tradizione sportiva di altissimo livello che permette ai grandi campioni di esprimersi e a 20 milioni di persone di qualsiasi fascia d’età di tutelare la propria salute grazie allo sport dilettantistico. Un abbraccio sportivo a tutti!” conclude Farina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *