Salute

Talloniate come curare nel più breve tempo possibile

Spread the love

Fascite plantare
Dolore al tallone e al piede
Scritto daDott.ssa Jacqueline Payne , recensita dalla Dott.ssa Sarah Jarvis MBE | Ultima modifica24 luglio 2017 | Soddisfa le linee guida editoriali del paziente
In questa serie:

Tendinopatia achillea

Rottura del tendine d’Achille

Metatarsalgia (lesione metatarsale)

Fratture metatarsali

Neuroma di Morton

Piedi piatti e archi caduti
Il dolore al tallone e al piede è molto comune. La causa più comune è la fascite plantare che provoca dolore sotto il tallone. Di solito va via con il tempo, ma vari trattamenti possono aiutare.

Il dolore al tallone e al piede è molto comune
Il dolore al tallone e al piede è molto comune
IN QUESTO ARTICOLO
L’anatomia del tuo piede
Quali sono le cause della fascite plantare?
Cos’è la fascite plantare?
Quali sono le cause della fascite plantare?
Quanto è comune la fascite plantare?
Sintomi di fascite plantare
Come viene diagnosticata la fascite plantare?
Qual è il miglior trattamento per la fascite plantare?
Ci sono altri trattamenti?
Si può fare un intervento chirurgico per la fascite plantare?
Qual è la prospettiva (prognosi)?
Come prevenire la fascite plantare
L’anatomia del tuo piede
Pensa ai tuoi piedi: devono sopportare il peso di tutto il tuo corpo. Ci sono molte ossa in ogni piede (vedi le immagini sotto) e queste possono essere brevemente divise in tre parti:

Avampiede: formato dalle dita dei piedi (falangi) e dalle cinque ossa lunghe (metatarsali). Questi sono nominati dal primo al quinto. Il primo osso metatarsale è il più grande ed è l’osso che si unisce all’alluce. Ogni dito ha tre falangi, tranne l’alluce che ne ha solo due. Ciò significa che ci sono tre articolazioni nelle dita dei piedi (due nell’alluce).
Mesopiede: una raccolta di ossa che formano gli archi del piede.
Retropiede: l’articolazione della caviglia e le ossa tarsali, compreso il più grande, il calcagno (calcagno).
i76_l.jpg
Cos’è il tendine d’Achille?
Il tendine d’Achille è una parte importante della gamba. Si trova appena dietro e sopra il tallone. Unisce l’osso del tallone (calcaneo) ai muscoli del polpaccio. La funzione del tendine d’Achille è di aiutare a piegare il piede verso il basso all’altezza della caviglia, come faccio quando punti le dita dei piedi. (Questo movimento è chiamato flessione plantare.)

Piede – Tendine d’Achille
Qual è la fascia plantare?
La fascia plantare è una forte fascia di tessuto (come un legamento) che si estende dal tallone (calcagno) alle ossa del piede medio. Supporta l’arco plantare e funge anche da ammortizzatore del piede.

Informazioni.paziente
Le nostre scelte per la fascite plantare (dolore al tallone e al piede)
Fascite plantare: come alleviare il dolore e trovare la cura giusta
La fascite plantare è una causa comune di dolore al tallone, causato dall’infiammazione del tessuto a livello del petto…

5 minuti
Quello che le tue scarpe possono dirti dei tuoi piedi5 minuti
Come scoprire cosa sta causando dolore al piede4 minuti
Come mantenere i piedi senza problemi5 minuti
Ci sono anche molti altri tendini, oltre a muscoli e legamenti, all’interno del tuo piede. Le ossa, i legamenti e i tendini all’interno del piede formano gli archi del piede. Questi archi sono chiamati archi longitudinali e trasversali. Sono gli archi del tuo piede che consentono al tuo piede di sostenere il peso del tuo corpo. I nervi forniscono sensazioni alla pelle del piede.

Quali sono le cause del dolore ai piedi?

Dott.ssa Sarah Jarvis MBE
Quali sono le cause della fascite plantare?
Hai i piedi doloranti? Non sei solo: la fascite plantare è una causa molto comune di dolore sotto il tallone (calcaneo). Sebbene la fascite plantare sia una delle cause più comuni di dolore al tallone e al piede, non è l’unico motivo:

Cause comuni di dolore al tallone e al piede
Fascite plantare (vedi sotto).
L’infiammazione del tendine d’Achille ( tendinopatia d’Achille ) può causare dolore nella parte posteriore della caviglia, che scende fino alla parte posteriore del tallone.
La rottura del tendine d’Achille può causare dolore improvviso al tallone e problemi a camminare.
Nella pianta del piede:
Una frattura di una delle ossa metatarsali ; o
L’infiammazione intorno alla testa delle ossa metatarsali può causare dolore all’avampiede.
Anche il neuroma di Morton , un problema con uno dei nervi che corrono tra le ossa metatarsali.
I piedi piatti , al contrario, possono causare dolore quasi ovunque nel piede, sebbene di solito la condizione non causi alcun sintomo.
La malattia di Sever è un’infiammazione dolorosa del tallone che può colpire bambini di età compresa tra gli 8 ei 14 anni.
Ci sono anche molte condizioni che possono causare problemi in altre parti del corpo, così come nei piedi, ad esempio:

Condizioni che causano dolori articolari, come:
Osteoartrite
Artrite psoriasica
Artrite reumatoide
La gotta provoca spesso un forte dolore improvviso al piede, in genere l’alluce.
Anche le borsiti (alluce valgo) causano dolore all’alluce, ma questo si manifesta molto gradualmente.
Problemi ai nervi ai piedi, come neuropatia periferica , sciatica o sindrome del tunnel tarsale.
Problemi con i vasi sanguigni ai piedi, che di solito sono dovuti a malattia arteriosa periferica o diabete .
I piedi piatti possono causare dolore in qualsiasi parte del piede
I piedi piatti possono causare dolore in qualsiasi parte del piede
Il resto di questo opuscolo riguarda la fascite plantare.

Cos’è la fascite plantare?
Cos’è il dolore al tallone?

Dott.ssa Sarah Jarvis MBE
Fascite plantare significa infiammazione della fascia plantare.

È una condizione che colpisce circa una persona su dieci ad un certo punto della loro vita. È anche noto come “tacco da jogging”, anche se non devi essere un corridore per svilupparlo. Fortunatamente, di solito migliora col tempo, ma il trattamento può accelerare la guarigione. Allora, cosa puoi fare al riguardo? Il trattamento utile comprende riposo, buone calzature, talloniere, antidolorifici ed esercizi. Un’iniezione di steroidi o altri trattamenti possono essere utilizzati nei casi più gravi.

Quali sono le cause della fascite plantare?
Si ritiene che piccole lesioni ripetute alla fascia (con o senza infiammazione) siano la causa della fascite plantare. La lesione è solitamente vicino al punto in cui la fascia plantare si attacca al calcagno.

Cosa rende probabile che qualcuno sviluppi la fascite plantare?
È più probabile che in determinate situazioni ferisca la fascia plantare. Per esempio:

Se stai in piedi per molto tempo, o se cammini, corri, stai in piedi, ecc., quando non ci sei abituato o hai avuto in precedenza uno stile di vita più sedentario.
Se di recente hai iniziato ad allenarti su una superficie diversa, ad esempio correndo su strada invece che su pista.
Se hai indossato scarpe con scarsa ammortizzazione o scarso supporto dell’arco plantare.
Se sei in sovrappeso, questo metterà a dura prova il tuo tallone.
In caso di uso eccessivo o allungamento improvviso della suola. Ad esempio – atleti che aumentano l’intensità o la distanza della corsa; tecnica scadente a partire “dai blocchi”, ecc.
Se hai un tendine d’Achille stretto (il grande tendine nella parte inferiore dei muscoli del polpaccio sopra il tallone). Ciò può influire sulla tua capacità di flettere la caviglia e potrebbe aumentare le probabilità di danneggiare la fascia plantare.
La fascite plantare può essere confusa con il “tallone del poliziotto”, ma sono diverse. Il tallone del poliziotto è chiamato borsite calcaneare plantare – infiammazione del sacco di liquido (borsa) sotto l’osso del tallone (calcaneo). Questo non è comune come la fascite plantare.

Spesso non vi è alcuna causa apparente per la fascite plantare, in particolare nelle persone anziane. Una credenza errata comune è che il dolore sia dovuto a una crescita ossea, o “sperone”, proveniente dal calcagno. Molte persone hanno uno sperone osseo del calcagno, ma non tutti con questo sviluppano fascite plantare.

Quanto è comune la fascite plantare?
La fascite plantare è comune. Circa 1 persona su 10 svilupperà fascite plantare in qualche momento della loro vita. È più comune nelle persone di età compresa tra 40 e 60 anni. Tuttavia, può verificarsi a qualsiasi età. È due volte più comune nelle donne che negli uomini. È comune anche negli atleti.

Sintomi di fascite plantare
Il dolore è il sintomo principale e può essere ovunque nella parte inferiore del tallone. Tuttavia, comunemente, una particolare area si trova come principale fonte di dolore.

Dov’è la fascia plantare?
Tallone – fascia plantare
Questo diagramma mostra la posizione della fascia plantare rispetto alle ossa del piede. L’infiammazione di questa fascia di tessuto provoca i sintomi della fascite plantare. (‘-itis’ è il termine medico per infiammazione).

Quali sintomi provoca l’infiammazione della fascia plantare?
Il dolore è il sintomo principale. Puoi immaginare come la fascia plantare infiammata possa ferire quando fai pressione sul piede mentre cammini. Questo dolore può essere ovunque nella parte inferiore del tallone. Tuttavia, comunemente, un punto si trova come principale fonte di dolore. Questo è spesso a circa 4 cm in avanti dal tallone e può essere tenero al tatto.

Il dolore è spesso peggiore quando si fanno i primi passi alzandosi al mattino o dopo lunghi periodi di riposo in cui non viene caricato alcun peso sul piede. Spesso viene descritto come un dolore lancinante o doloroso. L’esercizio fisico delicato può alleviare un po’ le cose con il passare della giornata. Tuttavia, una lunga camminata o stare in piedi per molto tempo spesso peggiora il dolore. Riposare il piede di solito allevia il dolore: questo può essere molto frustrante per le persone che stanno cercando di migliorare i propri livelli di forma fisica iniziando a correre!

Lo stiramento improvviso della pianta del piede può peggiorare il dolore, ad esempio salendo le scale o in punta di piedi. Potresti zoppicare a causa del dolore. Alcune persone hanno fascite plantare in entrambi i piedi contemporaneamente.

Come viene diagnosticata la fascite plantare?
Il medico di solito può diagnosticare la fascite plantare semplicemente parlando con te ed esaminando i tuoi piedi. Raramente, i test sono necessari se la diagnosi è incerta o per escludere altre possibili cause di dolore al tallone. Questi possono includere i raggi X del tallone o un’ecografia della fascia . Un’ecografia di solito mostra ispessimento e gonfiore della fascia nella fascite plantare.

Qual è il miglior trattamento per la fascite plantare?
Di solito, il dolore si attenuerà nel tempo. Il tessuto della “fascia”, come il tessuto del “legamento”, guarisce abbastanza lentamente. Potrebbero essere necessari diversi mesi o più per andare. Tuttavia, esiste una varietà di trattamenti che possono aiutare ad accelerare il recupero. Una combinazione di diversi trattamenti può aiutare. Questi variano dal riposo e dagli esercizi semplici (più comuni) alla chirurgia (rara).

Collettivamente, questi trattamenti iniziali sono noti come trattamenti “conservativi” per la fascite plantare:

Riposa il piede
Questo dovrebbe essere fatto il più possibile. Evita di correre, camminare o stare in piedi in modo eccessivo e allungare indebitamente la pianta. La camminata dolce e gli esercizi descritti di seguito vanno bene.

Calzature
Non camminare a piedi nudi su superfici dure. Scegli scarpe con tacco imbottito e un buon supporto dell’arco plantare. Probabilmente è meglio una scarpa sportiva con lacci piuttosto che un sandalo aperto. Evita le scarpe vecchie o usurate che potrebbero non dare un buon cuscino al tallone.

Talloniera e plantari
Puoi acquistare vari cuscinetti e inserti per scarpe per ammortizzare il tallone e sostenere l’arco plantare. Funzionano meglio se li metti sempre nei tuoi panni. L’obiettivo è alzare il tallone di circa 1 cm. Se il tuo tallone è tenero, fai un piccolo foro nel cuscinetto del tallone nel sito del punto dolente. Ciò significa che la parte tenera del tallone non toccherà nulla all’interno della scarpa. Metti gli inserti/i cuscinetti in entrambe le scarpe, anche se hai solo dolore a un piede. Un podologo può essere in grado di aiutare con inserti specialistici.

Sollievo dal dolore
Gli antidolorifici come il paracetamolo spesso alleviano il dolore. A volte sono utili farmaci antinfiammatori come l’ ibuprofene . Questi sono antidolorifici ma riducono anche l’infiammazione e possono funzionare meglio dei normali antidolorifici. Alcune persone trovano utile strofinare una crema o un gel che contiene un medicinale antinfiammatorio sul tallone.

Anche un impacco di ghiaccio (come un sacchetto di piselli surgelati avvolti in uno strofinaccio) tenuto sul piede per 15-20 minuti può aiutare ad alleviare il dolore.

Esercizi
L’allungamento regolare e delicato del tendine d’Achille e della fascia plantare può aiutare ad alleviare i sintomi. Questo perché la maggior parte delle persone con fascite plantare ha una leggera tensione del tendine d’Achille. In questo caso, tende a tirare nella parte posteriore del tallone e ha un effetto a catena nel mantenere la fascia plantare tesa. Inoltre, quando dormi durante la notte, la fascia plantare tende a irrigidirsi (motivo per cui di solito è la prima cosa più dolorosa al mattino). Lo scopo di questi esercizi è di sciogliere delicatamente i tendini e la fascia sopra e sotto il tallone. Il medico può indirizzarti a un fisioterapista per una guida all’esercizio.

Guarda il nostro fisioterapista che ti guida attraverso tutti gli esercizi per la fascite plantare nel nostro video .

Esercizi (svolti con o senza scarpe) per aiutare a curare la fascite plantare

La scelta delle calzature corrette può aiutare a ridurre il dolore
La scelta delle calzature corrette può aiutare a ridurre il dolore

Stare a circa 40 cm da un muro e mettere entrambe le mani sul muro all’altezza delle spalle, i piedi leggermente divaricati, con un piede davanti all’altro. Piega il ginocchio anteriore ma tieni il ginocchio posteriore dritto e piegati verso il muro per allungare. Dovresti sentire il muscolo del polpaccio contrarsi. Mantieni questa posizione per alcuni secondi, quindi rilassati. Fallo circa 10 volte, quindi passa all’altra gamba. Ora ripeti lo stesso esercizio per entrambe le gambe, ma questa volta porta leggermente in avanti il ​​piede posteriore in modo che anche il ginocchio posteriore sia leggermente piegato. Appoggiati al muro come prima, mantieni la posizione, rilassati e poi ripeti 10 volte prima di passare all’altra gamba. Ripeti questa routine due volte al giorno.

Mettiti sul gradino più basso di alcune scale con le gambe leggermente divaricate e con i talloni appena fuori dalla fine del gradino. Tenere le ringhiere delle scale per supporto. Abbassa i talloni, mantenendo le ginocchia dritte. Anche in questo caso dovresti sentire l’allungamento dei polpacci. Mantieni la posizione per 20-60 secondi, quindi rilassati. Ripeti sei volte. Prova a fare questo esercizio due volte al giorno.

Siediti sul pavimento con le gambe distese davanti a te. Avvolgi un asciugamano attorno alla pianta di uno dei tuoi piedi. Con il ginocchio dritto, tira le dita dei piedi verso il naso. Mantieni la posizione per 30 secondi e ripeti tre volte. Ripeti lo stesso esercizio per l’altro piede. Prova a farlo una volta al giorno.

Siediti su una sedia con le ginocchia piegate ad angolo retto e i piedi e i talloni piatti sul pavimento. Solleva il piede verso l’alto, mantenendo il tallone sul pavimento. Mantieni la posizione per alcuni secondi e poi rilassati. Ripetere circa 10 volte. Prova a fare questo esercizio da cinque a sei volte al giorno.

Per questo esercizio è necessario un oggetto come un mattarello o una lattina. Mentre sei seduto su una sedia, metti l’oggetto sotto l’arco del tuo piede. Fai rotolare l’arco del piede sull’oggetto in diverse direzioni. Esegui questo esercizio per alcuni minuti per ogni piede almeno due volte al giorno. Questo esercizio è meglio farlo senza scarpe.
Opzioni di gestione della fascite plantare
Ogni opzione di trattamento per la fascite plantare ha vari benefici, rischi e conseguenze. In collaborazione con health.org.uk , abbiamo messo insieme un sommario aiuto decisionale che incoraggia pazienti e medici a discutere e valutare ciò che è disponibile.

Scarica l’Aiuto alla Decisione della Fascite Plantare
Ci sono altri trattamenti?
Se i trattamenti di cui sopra non aiutano ad alleviare i sintomi, o se sei un atleta che ha bisogno di una rapida guarigione, sono disponibili altri trattamenti. Non esiste un trattamento specifico che sembra distinguersi come il migliore.

Iniezioni di steroidi
A volte viene tentata un’iniezione di steroidi (cortisone) se il dolore persiste nonostante le misure “conservative” di cui sopra. Può alleviare il dolore in alcune persone per diverse settimane, ma non sempre risolve il problema. Non ha sempre successo e potrebbe essere doloroso averlo fatto. Gli steroidi agiscono riducendo l’infiammazione. A volte vengono provate due o tre iniezioni in un periodo di settimane se la prima non ha successo. Le iniezioni di steroidi comportano alcuni rischi, tra cui (raramente) lacrimazione (rottura) della fascia plantare.

Terapia extracorporea con onde d’urto
Nella terapia extracorporea con onde d’urto, una macchina viene utilizzata per fornire onde sonore ad alta energia attraverso la pelle nell’area dolorante del piede. Non si sa esattamente come funzioni, ma si pensa che possa stimolare la guarigione della fascia plantare. Potrebbero essere necessarie una o più sessioni di trattamento.

Questa procedura sembra essere sicura ma non è chiaro come funzioni. Ciò è dovuto principalmente alla mancanza di studi clinici ampi e ben progettati. Dovresti avere una discussione completa con il tuo medico sui potenziali benefici e rischi.

Negli studi, la maggior parte delle persone che hanno avuto una terapia extracorporea con onde d’urto hanno pochi problemi in termini di problemi. Tuttavia, i possibili problemi che possono verificarsi includono dolore durante il trattamento, arrossamento della pelle e gonfiore del piede o lividi. Un altro problema teorico potrebbe includere il peggioramento della condizione a causa della rottura della fascia plantare o del danno ai tessuti del piede. Sono necessarie ulteriori ricerche sulla terapia extracorporea con onde d’urto per la fascite plantare.

Altri possibili trattamenti per la fascite plantare
Sono stati condotti vari studi e prove che esaminano altri possibili trattamenti per la fascite plantare. Tali trattamenti comprendono l’iniezione di tossina botulinica e il trattamento della fascia plantare con la radioterapia. Questi trattamenti potrebbero non essere ampiamente disponibili.

Alcune persone traggono vantaggio dall’indossare una stecca speciale durante la notte per mantenere il tendine d’Achille e la fascia plantare leggermente allungati. L’obiettivo è evitare che la fascia plantare si irrigidisca durante la notte. In casi molto difficili, a volte viene applicato un calco in gesso o un tutore da deambulazione rimovibile sulla parte inferiore della gamba. Ciò fornisce riposo, protezione, ammortizzazione e un leggero allungamento della fascia plantare e del tendine di Achille. Tuttavia, le prove per l’uso del trattamento con splintaggio della fascite plantare sono limitate.

Si può fare un intervento chirurgico per la fascite plantare?
Questo può essere considerato in casi molto difficili. La chirurgia è solitamente consigliata solo se il dolore non è diminuito dopo 12 mesi nonostante altri trattamenti. L’operazione prevede la separazione della fascia plantare da dove si collega all’osso; questo è chiamato rilascio della fascia plantare. Può anche comportare la rimozione di uno sperone sul calcagno (calcagno), se presente. La chirurgia non ha sempre successo. Può causare complicazioni in alcune persone, quindi dovrebbe essere considerato come l’ultima risorsa. Le complicanze possono includere infezioni, aumento del dolore, lesioni ai nervi vicini o rottura della fascia plantare.

Qual è la prospettiva (prognosi)?
La maggior parte delle persone si è completamente ripresa da un episodio di fascite plantare entro un anno. Tuttavia, alcuni dei trattamenti sopra descritti possono aiutare ad accelerare il recupero.

Come prevenire la fascite plantare
Ci sono alcune cose che puoi fare per cercare di prevenire la fascite plantare, soprattutto se l’hai avuto prima. Questi includono:

Cambiare regolarmente le scarpe da allenamento usate per correre o camminare.
Indossare scarpe con una buona ammortizzazione nei talloni e un buon supporto dell’arco plantare.
Perdere peso se sei in sovrappeso.
Allungando regolarmente la fascia plantare e il tendine d’Achille, soprattutto prima dell’esercizio.
Evitare l’esercizio su superfici dure.
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.